Moodle Mobile all'UNESCO

MoodleMobile march26 1

Le capacità mobili di Moodle sono state presentate alla Mobile Learning Week dell'UNESCO, la conferenza di formazione ICT dell'UNESCO nella sede dell'UNESCO a Parigi.

Ci sediamo per parlare con Bob McDonald, uno dei membri del nostro team Education, della sua presentazione dell'UNESCO con Solange Lalonde e porre alcune domande su come le capacità di Moodle Mobile siano essenziali per promuovere le competenze digitali.

Moodle HQ: Bob puoi parlarci un po 'di come vedi Moodle a sostegno degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell'UNESCO?

Bob: Secondo il rapporto 2017 dell'UNESCO sullo stato della banda larga, solo circa 48% di famiglie in tutto il mondo hanno accesso a Internet. Le reti mobili offrono una maggiore connettività nelle regioni meno servite. Siamo davvero orgogliosi del lavoro svolto dal team mobile di Moodle e del modo in cui hanno portato l'esperienza dei discenti 100% sui dispositivi. Sembra davvero naturale parlarne all'evento dell'UNESCO mettendo in evidenza un'istruzione di qualità per tutti gli studenti resi possibili con i dispositivi mobili.

Moodle HQ: Dal punto di vista di un educatore, cosa cambia l'apprendimento mobile?

Bob: Cambia l'accesso. Gli studenti possono trovarsi praticamente ovunque e avere una piattaforma di apprendimento completa nelle loro tasche. L'accesso ha sempre determinato chi deve imparare. Nella nostra presentazione dell'UNESCO, ho sottolineato come Moodle è nato dal desiderio di creare accesso a molti. È bello condividere con il pubblico dell'UNESCO i modi in cui Moodle dà potere a insegnanti e studenti di tutto il mondo ogni giorno.

Moodle HQ: Quali storie di accesso a Moodle hai condiviso?

Bob: Ho fatto riferimento al ruolo di Moodle nella collaborazione dell'UNESCO con la School of Open and Distance Learning del Ruanda per insegnare a oltre 100 professori universitari a progettare lezioni online. USAID e Oxfam usano entrambi Moodle per formare il personale e supportare iniziative di sostenibilità. Ho anche menzionato l'uso di Moodle da parte di World Vision per supportare il personale di prima linea in 15 paesi a sostegno di 35.000 famiglie di piccoli agricoltori. Sono sempre orgoglioso di essere collegato a Moodle e di parlare del lavoro incredibilmente importante che le persone fanno con esso.

Moodle HQ: a seguito della nostra conversazione con Solange della scorsa settimana, come vedi la missione di Moodle di "Autorizzare gli educatori a migliorare il nostro mondo" in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell'UNESCO?

Bob: Faccio parte dell'ecosistema Moodle di società open source Moodle e Moodle Partner che lo supportano dal 2004. La sostenibilità è sempre stata la salsa magica in questo ecosistema. Come puoi potenziare gli studenti? Come puoi dare potere agli educatori? Come puoi potenziare scuole e imprese? Come puoi dare potere alle aziende che aiutano queste istituzioni?

Devi sempre creare scenari win-win-win. Roba ingannevole, ma fai il duro lavoro in nome della sostenibilità e dell'accesso. Il nostro compito come educatori è ridurre gli ostacoli alla fornitura di accesso sostenibile alle risorse di apprendimento. Gran parte di questo lavoro accade oggi. Molto più accadrà in futuro. Mi ha fatto piacere poter diffondere quel messaggio all'UNESCO.

Moodle HQ: Infine, quale ruolo vedi Moodle nel sostenere costantemente gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite?

Bob: Il focus della nostra presentazione era un nuovo curriculum che HQ stava progettando. Ci siamo concentrati sull'insegnamento con Moodle che aumenta la fiducia di un educatore nel software, nonché la fiducia nella creazione di lezioni efficaci online. Aiutare gli educatori ad avere più successo con i loro studenti nei loro contesti è davvero la nostra missione in corso. Più accesso globale, più successo locale, apprendimento più sostenibile.

Grazie per il tuo tempo Bob e per rappresentare Moodle all'UNESCO.

Scrivi un commento