Che cos'è MoodleNet? La piattaforma emergente di social media per educatori

Siamo entusiasti di annunciare il lancio di MoodleNet ad aprile 2019, una piattaforma di social media aperta per gli educatori. MoodleNet metterà in contatto gli educatori di tutto il mondo e fornirà loro uno spazio in cui possono curare e condividere risorse, oltre a collaborare per creare raccolte di risorse educative aperte.

Oggi parliamo con Doug Belshaw, Project Lead di MoodleNet, sugli obiettivi del progetto, sulla storia dietro di esso e su come Moodlers ed educatori possano essere coinvolti con esso prima che apra le registrazioni.


Moodle HQ:
Ciao Doug! Grazie per aver dedicato del tempo a parlare con noi oggi. Sei stato impegnato a lavorare al progetto MoodleNet per oltre un anno, come descriveresti MoodleNet?

Doug: Attualmente stiamo descrivendo MoodleNet come una "nuova piattaforma di social media aperta per educatori, focalizzata sullo sviluppo professionale e sui contenuti aperti". Per cominciare, ciò significherà dare agli educatori l'opportunità di unirsi o creare comunità al fine di curare raccolte di risorse.

Da lì, stiamo pianificando tutta una serie di cose, tra cui funzioni social migliorate, Open Badge e crowdfunding. Ma vogliamo testare questa proposta di valore iniziale sugli educatori che si uniscono alle comunità per curare le risorse.

Moodle HQ: Da dove viene l'idea di MoodleNet?

Doug: Martin Dougiamas, fondatore e CEO di Moodle, viaggia continuamente per il mondo, frequentando MoodleMoots e altri incontri di educatori e tecnologi. Dopo molte conversazioni, si rese conto che la comunità Moodle e gli educatori in generale avevano bisogno di un posto migliore per connettersi l'uno con l'altro.

Sono entrato a bordo a novembre 2017 e ho trascorso i primi sei mesi ad accrescere il sospetto di Martin con ricerche, discussioni con esperti e progettazione di varie opzioni. Ciò che ne è emerso è stata la necessità di qualcosa tra le due estremità di uno spettro: da un lato, gli educatori trascorrono del tempo in modo proattivo alla ricerca di risorse, mentre dall'altro, loro reattivo (o in modo casuale) scopri risorse condivise su vari social network.

Di conseguenza, ho sentito che c'era l'opportunità per qualcosa nel mezzo; un luogo in cui gli educatori si riuniscono specificamente per condividere le migliori risorse su un determinato argomento o argomento. Nel maggio 2018, abbiamo lavorato con Outlandish durante uno sprint di design a Londra per approfondire davvero questa idea. Il risultato ha costituito la base per la prima iterazione di MoodleNet.

Moodle HQ: Per chi è MoodleNet?

Doug: Innanzitutto, MoodleNet è per educatori. Tuttavia, dato che la piattaforma sarà effettivamente indipendente dalle risorse, non c'è motivo per cui Moodle Partners non potevano usarlo per mostrare i loro migliori plugin Moodle Core, per esempio. Posso anche immaginare i tecnologi dell'apprendimento che usano MoodleNet per condividere le migliori risorse per ottenere il massimo MoodleCloud.

Moodle HQ: Cosa fa effettivamente MoodleNet?

Doug: Nella sua prima iterazione, MoodleNet, invita gli utenti a unirsi o creare comunità per curare raccolte di risorse. Ad esempio, ero un insegnante di storia e posso immaginare di condividere le mie risorse preferite per il 1066 e la Battaglia di Hastings. Altri educatori possono venire e unirsi, aggiungendo le loro risorse nel mix e discutendo delle risorse con me.

Durante la fase pilota dei test fino ad aprile 2019, gli utenti accederanno a MoodleNet tramite i server forniti da Moodle HQ. Tuttavia, uno dei motivi per cui sono stati necessari sei mesi per costruire MoodleNet dopo lo sprint di progettazione dell'anno scorso, è che lo stiamo costruendo per essere un federata rete sociale. In pratica, ciò significa che, proprio come Moodle Core, le organizzazioni saranno in grado di ospitare la propria istanza MoodleNet, ma grazie alla federazione i loro utenti saranno anche in grado di connettersi, parlare e condividere contenuti con utenti e comunità su tutti gli altri casi, se lo desiderano.

Moodle HQ: Alcuni dei membri della nostra community potrebbero chiedersi: cosa sta succedendo al sito moodle.net esistente?

Doug: Dopo molte conversazioni al riguardo sia all'interno del quartier generale di Moodle che con i membri della comunità, per ora abbiamo deciso di mantenere attive le funzionalità esistenti. La funzionalità moodle.net esistente è integrata in Moodle Core e stiamo ancora testando il nuovo MoodleNet.

Quindi, prossimamente, ci sarà una nuova pagina su moodle.net che parlerà al mondo di MoodleNet. Tuttavia, il vecchio servizio sarà ancora funzionante e disponibile all'indirizzo hub.moodle.org.

Moodle HQ: Quindi, quando le persone possono iniziare a utilizzare MoodleNet?

Doug: Abbiamo messo a chiamare per i tester oggi. Inviteremo prima 100 educatori a testare MoodleNet e ad aiutarci a risolvere i più grandi bug o difetti di progettazione, e poi, il mese prossimo, stiamo cercando di aumentarlo a 1.000. Il nostro obiettivo è aprire le iscrizioni al Regno Unito e Irlanda MoodleMoot ad aprile, dove presenteremo e gestiremo un seminario.  

_______

Scrivi un commento