Moodlers Monday: Parliamo con il designer dell'apprendimento, Jill Lyall, di Moodling alla Australian National University

La settimana scorsa abbiamo parlato Luiggi Sansonetti in Francia per parlare dei suoi molteplici ruoli e coinvolgimento con Moodle.

Questa settimana, per il nostro Lunedì Moodler, ci dirigeremo in Australia, a Canberra - la capitale per essere precisi - per parlare con il designer dell'apprendimento, Jill Lyall, presso la Australian National University (ANU).

ANU usa Moodle come sistema di gestione dell'apprendimento, che chiamano Wattle.

Come designer dell'apprendimento, Jill svolge un ruolo importante nel garantire che Moodle presso ANU supporti gli educatori e offra agli studenti una buona esperienza di apprendimento online o in un formato misto.

Dall'inizio del 2015, Jill ha lavorato su una serie di progetti con Moodle per ANU online, aiutando a creare materiali online per corsi post-laurea e creando risorse di supporto e formazione in materia di apprendimento avanzato della tecnologia per accademici all'università.

Puoi vedere alcuni dei lavori di Jill e quelli di ANU Online con Moodle attraverso questa presentazione di MoodleMoot Australia 2016: "Ricreare lo spazio di apprendimento online della ANU Medical School."

Un articolo in cui Jill ha collaborato come autore principale è pubblicato negli ultimi atti della Conferenza ASCILITE e può essere trovato qui: Sfide e tensioni nel ruolo dell'LMS per l'educazione medica: tempo per l'LMS di prossima generazione?

Parliamo ora con Jill per parlare della sua esperienza di Moodling!

Moodle HQ: Grazie Jill per aver dedicato del tempo a parlare con noi. Cominciamo con un po 'di te e di come il tuo ruolo in ANU si collega a Moodle?

Jill: Sono nel ruolo di Learning Designer in un team centrale attualmente noto come ANU Online (anche se - ultime notizie! - si sta pensando di cambiare questo nome per garantire che rifletta un uso più ampio della tecnologia nell'istruzione).

Moodle è la nostra piattaforma di apprendimento istituzionale e all'interno di ANU è nota come WATTLE - Accesso Web agli ambienti di insegnamento e apprendimento. WATTLE è significativamente diverso da una versione "free range" di Moodle non vincolata da norme istituzionali in materia di privacy, sicurezza, manutenzione di archivi e documenti, proprietà intellettuale, appelli e reclami degli studenti e altre questioni simili. Gran parte della mia esperienza e competenza da quando ho lavorato con ANU è stata quella di imparare a lavorare in modo creativo entro tali limiti.

Il mio compito principale è quello di garantire a tutti gli utenti, studenti e personale un'esperienza utente positiva all'interno di questo ambiente di apprendimento online. Questo è quindi un ruolo abbastanza ampio. Può includere la consulenza e il lavoro con individui e team accademici per creare un corso online da zero, che può includere il tentativo di una varietà di innovazioni. Ma include anche la risoluzione dei problemi e la manutenzione dei corsi esistenti, in particolare quando sono stato coinvolto nella progettazione. Siamo appena passati a Moodle 3.3, che credo ci abbia permesso di progettare ambienti di corso più semplici e più facili da navigare per gli utenti.

Moodle HQ: Quando hai incontrato Moodle per la prima volta e cosa ti ha fatto desiderare di lavorare di più con la nostra piattaforma di apprendimento open source?

Jill: Ho avuto familiarità con la lavagna durante i miei anni con TAFE nell'Australia occidentale, poiché quella era la piattaforma fornita dal governo per tutte le organizzazioni di apprendimento finanziate dallo Stato. Tuttavia ero consapevole che alcune istituzioni si erano staccate da Blackboard e stavano usando Moodle. Essendo una piattaforma open source, l'ho scaricata per la mia sperimentazione, quindi avevo una certa familiarità con essa.

Conosco Moodle da molti anni e la sua disponibilità come piattaforma open source e la comunità che mi accompagna mi affascina come educatore che ha sempre voluto sperimentare la tecnologia per offrire un'esperienza di apprendimento più profonda e piacevole. Anche se ho lavorato principalmente in Blackboard durante la mia lunga carriera in TAFE nell'Australia occidentale, ho usato Moodle off-line e anche negli spazi gratuiti forniti online, per provare idee.

Moodle HQ: Sei stato un Moodler per un certo numero di anni ormai. Quali sono alcuni dei migliori momenti salienti di Moodle che puoi condividere?

Jill: Penso che sperimentare una lezione per un corso di Master in sanità pubblica che ho aiutato a creare online sia stato estremamente interessante e gratificante. Sono sempre alla ricerca di modi per migliorare le mie tecniche di scenario di ramificazione usando la lezione. Vorrei vedere una nuova funzionalità aggiunta a Lezione che mi consente di visualizzare gli scenari su una mappa visiva.

Il nuovo Moodle 3.3 è un grande miglioramento in termini di facilità di navigazione e meno passaggi per l'aggiunta o la configurazione di attività. Ho iniziato a capire che incoraggiare l'uso della barra di navigazione laterale, e anche le impostazioni "un argomento alla volta", è un'alternativa migliore rispetto alla creazione di livelli di CSS e HTML per creare strumenti di navigazione aggiuntivi progettati per essere più "utente amichevole ”- il nuovo aspetto e stile di Moodle 3.3 rende più attraente l'utilizzo degli strumenti nativi di Moodle. La creazione di ulteriori "campane e fischietti" utilizzando CSS e HTML rende i corsi meno sostenibili a lungo termine anche se sembrano "più belli", perché a meno che la facoltà non abbia accesso ai grafici o ad altro personale di tipo esperto in progettazione di apprendimento, è molto facile per tali progetti si rompono e nessuno può essere disponibile per risolverli.

Moodle HQ: Cosa sono più entusiasti per il futuro con Moodle, come progetto open source, e anche per lo spazio di apprendimento online dell'ANU?

Jill: La comunità stessa è entusiasmante di far parte. Sono ispirato dalla visione di Martin Dougiamas di risorse educative open source e di una cultura educativa più condivisa. Spero che ANU possa prendere parte a questa cultura e beneficio di condivisione, condividendo il suo tesoro di risorse educative ove possibile.

ANU ha iniziato a impegnarsi per un migliore utilizzo della tecnologia nell'apprendimento, che si riflette recentemente nell'investimento di tre ulteriori designer e tecnologi dell'apprendimento reclutati nel team ANU Online.

Moodle HQ: Infine Jill, per chi non conosce Moodle, o ha appena iniziato a essere introdotto nella piattaforma di apprendimento, quali consigli e consigli pratici hai per aiutarli a ottenere il meglio dal loro Moodle?

Jill: Prima di iniziare a fare qualcosa di troppo ambizioso in termini di aspetto e ambiente del tuo corso, esamina attentamente tutti gli strumenti e le risorse di Moodle e i loro vari scopi. Per me, ho imparato "less is more". Moodle ti consente di essere minimalista pur essendo intelligente nel dare agli utenti una grande esperienza.

Un altro suggerimento è che, se hai mai colpito un muro di mattoni perché non riesci a capire una delle attività o degli strumenti di Moodle, non riesci a far funzionare le cose, non sai come fare certe cose in Moodle, è facile da cercare l'argomento esatto nel tuo motore di ricerca Internet preferito e trovalo. Ci sono molte risorse, anche all'interno dei siti Web di Moodle, come comunità, discussioni e documentazione, per aiutarti. Assicurati che ciò che trovi sia correlato alla versione di Moodle che stai utilizzando, poiché ogni aggiornamento ha reso Moodle significativamente diverso in termini di processi e aspetto.

—–

Grazie Jill!

Se vuoi saperne di più su Moodle presso ANU, segui ANU online su Twitter.

Scrivi un commento