Il rifugiato somalo persegue la laurea ME a 12.000 km di distanza nel campo profughi di Dadaab in Kenya

Abdikadir Abikar è un rifugiato somalo che persegue il suo Master of Education (MEd) presso l'Università di York a Toronto, in Canada, a più di 12.000 km dal campo profughi di Dadaab in Kenya, dove Abdikadir studia insieme ad altri 6 rifugiati. 

Ogni giorno Abdikadir cammina per quasi due ore al laboratorio di informatica di Dadaab, dove si collega a piattaforme di apprendimento online come Moodle e Coursera che gli permettono di studiare e anche di parlare con i suoi compagni di classe e professori e sentirsi parte della vita del campus.

“L'istruzione cambia una persona. Mi ha trasformato ”

Oltre a studiare per il suo ME, Abdikadir è un assistente di insegnamento per la nuova coorte di studenti del campo e vuole usare la sua istruzione per fare la differenza nelle comunità con difficoltà di accesso all'istruzione. “Un giorno sarò un cambiamonete e tornerò in patria, la Somalia. Voglio applicare nuove idee e contribuire a portare l'istruzione nelle comunità fuori città ", spiega.

Abdikadir e molti altri studenti rifugiati stanno perseguendo la loro istruzione superiore attraverso un programma di apprendimento a distanza da parte del Consorzio per l'apprendimento connesso, promosso dall'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati. In questo consorzio, gli istituti di istruzione superiore di tutto il mondo collaborano per fornire apprendimento connesso supportato dalla tecnologia in contesti di conflitto, post-conflitto, crisi e sfollamento di rifugiati.

Guarda la storia di Abdikadir in questo video di UNHCR Canada

 

Dona a Moodle: modella il futuro dell'educazione con la tecnologia open source

Scrivi un commento