Metti le tue storie di Moodle al centro dell'attenzione a MoodleMoot Australia 2017

Recentemente abbiamo parlato con il partecipante e presentatore di MoodleMoot Australia, Brett McCroary di TAFE Illawara nel Nuovo Galles del Sud sulla creazione di una presentazione coinvolgente e informativa.

Brett ha condiviso i suoi consigli per presentare una proposta e presentarsi a MoodleMoot con il prossimo Moot australiano che si terrà dal 26-28 settembre allo Sheraton on the Park di Sydney.

Ad oggi abbiamo ricevuto molte storie ispiratrici di Moodle come proposte di presentazione e non vediamo l'ora di riceverne altre!

Ora puoi inviare la tua proposta online.

Per aiutare ulteriormente con una prospettiva su ciò che è coinvolto nella creazione di una proposta di presentazione, e su come presentarli al centro della scena a MoodleMoot Australia, o su qualsiasi MoodleMoot, parliamo con il presentatore dello scorso anno, il dott. Stephen Dann.

Il dott. Stephen Dann è del College of Business and Economics della Australian National University e l'anno scorso al MoodleMoot Australia 2016 a Perth, ci ha illuminato con la sua storia di Moodle intitolata, Insegnare all'insegnante riluttante a Moodle!

In questo post, Stephen si è preso il tempo di condividere con noi, sulla sua esperienza personale di presentare una proposta e poi come trasformarla in una presentazione memorabile!

Moodle HQ: Stephen, grazie per aver dedicato del tempo a chattare con noi! Ti ringraziamo per aver dedicato del tempo a parlarci di tutto ciò che MoodleMoots!

In primo luogo, forse iniziamo con un po 'di te: qual è il tuo coinvolgimento in Moodle?

Stefano: Sono uno del personale in prima linea che utilizza Moodle per insegnare ed è il solito primo punto di riferimento tra i miei colleghi per soluzioni al problema di "Non fa quello che voglio" o "Sta facendo quello che vuole fare, come possiamo fermarlo? "

Moodle HQ: quando hai presentato per la prima volta una proposta per MoodleMoot Australia e quali sono i tre principali suggerimenti per creare una proposta di successo?

Stefano: Ho lanciato per la prima volta MoodleMoot l'anno scorso e i miei tre consigli sono: concisi, precisi e personali. Conciso è mantenerlo nell'unica idea di base: devi solo raccontare la storia di una cosa e una cosa per avere un impatto. Il preciso è dare un po 'di carne alle ossa della storia: il mio caso di studio su un problema specifico (utenti riluttanti) è arrivato con un blocco di teoria per spiegare il problema e casi in cui il problema non conosceva la teoria abbastanza bene per giocare insieme alla sceneggiatura e una soluzione che potrebbe essere portata a casa dal pubblico. Personale: Moodlemoot è un ottimo posto per scambiare esperienze che possono essere tratte da ciò che stai facendo quotidianamente. Racconta la tua storia, condividila e dai alle persone un asporto da ciò che hai imparato, e hanno la possibilità di imparare o sentirsi convalidati che non sono gli unici a cui è capitato (e quel momento di convalida è spesso palpabile nella stanza)

Moodle HQ: quando la tua proposta viene accettata, come trasformi la tua presentazione scritta in una presentazione che sia coinvolgente e istruttiva per MoodleMoot?

Quali sono i tuoi processi, se puoi condividere?

Stefano: Per Moodlemoot, ho deciso di voler seguire un approccio tematico "Alice nel paese delle meraviglie" per abbinare il contenuto. Volevo una forte storia visiva che fornisse allo spettatore un contesto (confusione, accettazione, buchi di coniglio, carte da gioco parlanti) che supportasse la storia e l'esperienza degli adottanti riluttanti.

Moodle HQ: Quali sono alcune considerazioni che ritieni essenziali prima di colpire il centro della scena e consegnare la tua presentazione?

Stefano: Decidi se sei una presentazione con script e provala a tuo agio, o se sei un presentatore migliorato, quindi ascolta i momenti "Sì" e "nelle altre presentazioni". Avevo una pagina di appunti che erano sostanzialmente i numeri delle diapositive, e ogni volta che qualcun altro davanti a me nelle presentazioni che avevo visto aveva menzionato qualcosa che rafforzava o faceva riferimento incrociato alla mia presentazione, potevo dare loro un grido. In questo modo, anche quando una delle mie sezioni era stata anticipata da due oratori, ho potuto riconoscere e rafforzare il loro messaggio, quindi ci siamo sentiti tutti meglio.

Moodle HQ: Infine, Stephen, cosa ti motiva a partecipare e presentare a MoodleMoot e cosa pensi che tu stesso e molti altri ricevano da queste conferenze?

Stefano: Mentre scherzosamente mi riferivo a MoodleMoot come al Tempio di Moot, è un'esperienza comunitaria e comunitaria. Quelli di noi che vogliono guardare un po 'più in profondità nella piattaforma, sia come programmatori, utenti o educatori di altri utenti lo fanno da un senso di scopo comune, e Moodlemoot è stata una buona opportunità per condividere la scoperta e riaffermare la sensazione che questa piattaforma non è un'entità senza volto al di sopra di ogni rimprovero, ma piuttosto un raduno di amici e parenti che possono scambiare appunti, condividere alcune storie e aiutarsi a vicenda lungo il cammino.


Grazie ancora, Stephen, per aver dedicato del tempo a chattare con noi oggi sul processo di proposte e presentazioni per MoodleMoots.

Se ora sei ispirato e pieno di informazioni per inviare una proposta, puoi farlo sul nostro sito web. Mentre sei lì, puoi anche registrarti per i biglietti Early Bird e trovare tutte le informazioni sul prossimo MoodleMoot Australia 2017.

Scrivi un commento