Come Thom Rawson usa Moodle per potenziare gli educatori in Giappone

È lunedì, il che significa che abbiamo l'opportunità di saperne di più su un Moodler che sta facendo cose fantastiche con la nostra piattaforma di apprendimento!

Questo lunedì di Moodlers, siamo in Giappone per parlare con lo straordinario Moodler e lo straordinario edtech, Thom Rawson.

Scopriamo di più sul viaggio di Thom's Moodle:

Moodle HQ: Ciao Thom, grazie per aver dedicato del tempo a parlare con noi oggi.

Puoi iniziare le cose raccontandoci un po 'di te, come ti sei collegato per la prima volta a Moodle e cosa hai fatto con Moodle?

Thom: Ciao! Sono Thom Rawson. La mia città natale è vicino a Boston, nel Massachusetts, negli Stati Uniti. Comunque sono venuto a vivere nella prefettura di Nagasaki nel sud-ovest del Giappone. Ho iniziato a lavorare nel settore dell'Information Technology nel 1991 e ho trascorso circa 10 anni come analista programmatore per varie aziende, alcune delle quali includono IBM ed Ericsson.

Nel 2001, ho deciso di prendermi una pausa da tutto e ho iniziato a insegnare inglese in Giappone con il programma Jet. Ho finito per incontrare mia moglie a Nagasaki e una cosa ha portato a un'altra e ora sono circa 17 anni che vivono e lavorano in Giappone. Ho lavorato alle elementari e medie per alcuni anni, il liceo per alcuni anni e ho iniziato a lavorare come insegnante universitario nel 2008. È stato allora che ho scoperto Moodle.

Da quando ho avuto il background tecnico, sono sempre stato alla ricerca di cose per sfidare i miei studenti EFL online. Moodle mi ha permesso di offrire agli studenti attività da svolgere al di fuori delle lezioni e mi ha anche permesso di tenere traccia delle loro attività e dare loro un feedback.

Usando Moodle, ho scoperto la crescente comunità in crescita in Giappone - la Moodle Association of Japan - e nel 2011 ho partecipato al mio primo MoodleMoot nella Prefettura di Kochi. Martin era presente a una presentazione di cui facevo parte ed è stato molto eccitante per noi avere l'inventore di Moodle che ha visto il nostro uso creativo di Moodle e multimedia. Penso che abbia detto qualcosa del tipo "hai fatto alcune cose molto interessanti" o qualcosa che sembra abbastanza semplice ma che in realtà ci ha motivato a fare di più per aiutare i nostri studenti a usare Moodle.

Moodle HQ: Di recente hai visitato Moodle HQ a Perth, in Australia.

Cosa non vedevi l'ora di ottenere durante la tua visita con noi e quali sono stati i risultati?

Thom: Lo scopo principale della mia visita a Perth era presentare i risultati di un progetto di ricerca di oltre 5 anni su cui ho lavorato con alcuni colleghi giapponesi sull'uso dei sistemi di gestione dell'apprendimento per connettere gli studenti di diverse istituzioni per svolgere attività di collaborazione.

Il progetto è terminato il 31 marzo 2018 ed è stato finanziato da una sovvenzione pubblica della Japan Society for the Promotion of Sciences. Quello che abbiamo fatto è stato provare a collegare fino a 5 università insieme usando Moodle e coinvolgere gli studenti in attività di collaborazione. Inizialmente, abbiamo utilizzato la tecnologia Mnet per eseguire il Single Sign-On (SSO) e queste attività hanno avuto un discreto successo. In Moodle 2.2, l'interoperabilità degli strumenti di apprendimento - uno standard IMS Global Consortium per la connettività degli strumenti - è stata aggiunta a Moodle, quindi la nostra ricerca è naturalmente progredita nell'uso di questo metodo per collegare le università.

Come ultimo passo del progetto, ho proposto di presentare parte del nostro successo e alcune delle sfide che abbiamo dovuto affrontare nel fare questa ricerca al team di sviluppo di Moodle HQ. Ho avuto la fortuna che il quartier generale di Moodle fosse disposto e in grado di permettermi di fare ciò che soddisfaceva alcuni dei requisiti del finanziamento della sovvenzione che abbiamo ricevuto.

Altre cose secondarie che speravo di imparare durante il viaggio erano legate ai processi di sviluppo di Moodle in modo da poter contribuire maggiormente alla comunità di Moodle. Ho persino completato il mio primo problema con il tracker di Moodle. Ho imparato molto da molti degli sviluppatori e dal personale del quartier generale, quindi sono davvero grato per questa opportunità. Vorrei ringraziare tutti quanti.

Moodle HQ: Per quanto riguarda la ricerca LTI, puoi condividere con noi il tuo lavoro su questo fronte?

Perché pensi che sia importante per il futuro di Moodle e dell'istruzione nel suo insieme?

Thom: Moodle è al centro uno strumento che consente alle persone di andare online in uno spazio comune e di lavorare su attività educative individualmente o collettivamente in gruppo. Internet - sebbene apparentemente aperto e liberamente accessibile a chiunque - tende a creare questi silos o ecosistemi di siti Web e strumenti di cui molti sono risorse eccellenti individualmente ma mancano di quella connessione collaborativa per l'utente finale in generale.

Supportando LTI come fornitore di strumenti, queste singole risorse possono essere raccolte e valutate in un unico posto in un'aula Moodle. Ciò offre all'utente uno sportello unico per il proprio portfolio educativo all'interno di Moodle. D'altra parte, Moodle come fornitore può condividere attività e corsi in modo da creare una sorta di modello di istruzione "open source".

LTI abbatte anche le barriere tra i sistemi di gestione dell'apprendimento offrendo un protocollo di connettività comune. Questo aiuta gli strumenti a "giocare bene" tra loro e rimuove i costi costosi delle integrazioni personalizzate.

Inoltre, la "paura" che la privacy degli studenti possa essere compromessa se condividiamo i dettagli di accesso con molti siti Web diversi è talvolta un problema qui in Giappone e, come immagino, in altri luoghi del mondo. Gli amministratori possono fornire strumenti che possono essere condivisi tra molti luoghi diversi senza rinunciare alle istituzioni di protezione che promettono di offrire ai propri utenti quando si iscrivono a un sistema online. Gli studenti possono quindi collaborare con altri studenti online in un ambiente sicuro e controllato indipendentemente dal fatto che frequentino o meno la stessa istituzione, e questa è una cosa potente secondo me.

Moodle HQ: sei anche un membro della Moodle Users Association e Moodle Japan Association, puoi dirci perché ti sei iscritto alle Associazioni e condividere eventuali punti salienti?

Thom: La Moodle Association of Japan (MAJ) lavora per promuovere l'uso di Moodle nelle istituzioni giapponesi e per supportare la ricerca e lo sviluppo sia usando Moodle che del codice Moodle stesso. MAJ dona 50% delle sue entrate annuali al quartier generale di Moodle per lo sviluppo e il supporto di Moodle. Il restante 50% viene utilizzato sia per ospitare l'annuale MoodleMoot (10%) sia per fornire sovvenzioni locali (40%) per supportare l'ulteriore sviluppo di Moodle specifico per il Giappone. Sapevi che il costo di un abbonamento annuale a MAJ - che include la quota di registrazione per MoodleMoot - è di soli 10.000 ¥ (120 AUD)? Siamo in grado di mantenere i nostri costi Moot più bassi perché ospitiamo i nostri Moot in diverse università in tutto il Giappone che ci donano spazio per un costo minimo o nullo. Penso che questo renda MAJ un buon modello per un'associazione Moodle in qualsiasi parte del mondo.

Faccio anche parte del comitato di ricerca e sviluppo MAJ e lo scorso anno sono stato nominato rappresentante MAJ presso la Moodle Users Association. Usando i voti dei nostri Membri Gold, sono stato in grado di far parte del comitato del MUA e in qualche modo sono stato nominato segretario. Questa è stata un'esperienza di apprendimento molto grande per me e sono entusiasta di far parte dell'azione. Mi sento fortunato ad essere circondato da utenti di Moodle che sanno così tante cose su Moodle e mi hanno dato molte idee per il mio uso di Moodle. Inoltre la comunità open source ha quell'enorme mentalità "Voglio aiutare" che è completamente contagiosa secondo me.

Moodle HQ: Come Moodler di lunga data, sei stato in grado di sperimentare come Moodle è cambiato nel corso degli anni.

Secondo te qual è stato il miglior miglioramento e cosa vorresti vedere in futuro per rendere la nostra piattaforma di apprendimento ancora più potente e accessibile?

Thom: Questa è una domanda difficile. Ci sono così tante cose che amo di Moodle. Ogni volta che mi viene in mente un'idea per un'attività per i miei studenti, la parte migliore di Moodle è che sembra esserci sempre qualcosa che Moodle può fare che supporta la mia idea. Penso che uno dei migliori miglioramenti degli ultimi tempi sia il sistema Moodle Rubric nel modulo Assegnazioni. Questo mi aiuta a fornire un feedback prezioso ai miei studenti in modo tempestivo, una chiave per l'apprendimento secondo me.

Per il futuro, vorrei che Moodle rendesse l'esperienza per i nuovi insegnanti che usano Moodle per la prima volta molto più semplice - faccio fatica a mostrare ai nuovi utenti in breve tempo come iniziare a usare Moodle e questo sembra davvero metterli fuori di usarlo. So che gli sviluppatori di Moodle HQ hanno lavorato così duramente per rendere tutto il più fluido possibile, ma per quei nuovi utenti abbiamo bisogno di un processo dopo il primo accesso che sia semplice come 1 creare una classe, 2 aggiungere studenti, 3 fare un compito e vai via. Tutto ciò dovrebbe essere fattibile da una persona non tecnica in 15 minuti o meno. Ciò contribuirebbe davvero a coinvolgere molti più utenti.

Grazie per l'opportunità di scrivere delle mie esperienze. Abbi cura di te e buon umore!

Scrivi un commento